rich media: impatto positivo su percezione del brand

Una ricerca condotta da Video EGG e ComScore su 14.000 utenti web, dimostrerebbe come una campagna rich media impatti notevolmente sull’engagement e di conseguenza abbia efficacia anche indipendentemente dal contesto in cui viene fatta.

Non importa quindi il sito, l’utente medio gradisce di più la spettacolarità dell’animazione e la fattura dell’adv. E il ricordo positivo del brand e il suo gradimento è notevolemente superiore a quello lasciato da un banner contestualizzato in un sito che tratta argomenti inerenti al prodotto o marchio reclamizzato. La “contestualizzazione ambientale” resta un fattore determinante solo per brand poco noti.

Tra le campagne pubblicitarie proposte agli intervistati troviamo anche la coinvolgente campagna rich media di Tostitos, di cui avevo già raccontato.

Il risultato è importante anche per chi investe in campagne pubblicitarie online di display, dal momento che le impression su un target selezionato secondo più parametri decisi dall’inserzionista fanno lievitare il costo da parte dell’editore di 3 o 4 volte tanto… forse in questo caso, la segmentazione del target non è proprio la soluzione più mirata per coinvolgere i propri consumatori (acquisiti o prospect che siano).

rich media: impatto positivo su percezione del brandultima modifica: 2010-03-19T16:49:54+00:00da viral-observer
Reposta per primo quest’articolo